Crema anticellulite: ingredienti proprietà e benefici

creme anticellulite funzionano

La crema anticellulite è un prodotto ottimo per contrastare questo inestetismo comune a moltissime persone in tutto il mondo: la cellulite colpisce in particolar modo le donne, tuttavia è possibile trovare una fetta di popolazione maschile che ne soffre. Una buona crema di questo tipo deve contenere alcuni elementi che vanno a contrastare quelli che sono i solchi lasciati da questa condizione della pelle.

Quando si parla della cellulite si fa riferimento ad una condizione chiamata in ambito medico “pannicolopatia edematofibrosclerotica”: si tratta di un disturbo di tipo degenerativo che riguarda il tessuto adiposo che si trova sotto la cute, chiamato per l’appunto pannicolo adiposo. La cellulite è una condizione che si manifesta con la presenza di quelli che sono dei veri e propri avvallamenti, o solchi, visibili sulla pelle.

La presenza di questi buchi e solchi va a creare la famosa pelle “a buccia d’arancia”: purtroppo, si tratta di una condizione che non può per nulla essere evitata in moltissimi casi. Tuttavia, ci sono alcune misure che servono a prevenire il peggioramento di questa condizione e l’insorgere di nuovi solchi e buchi, che conferiscono alla pelle un aspetto meno piacevole.

Ingredienti Funzione
Gingko Biloba Permette di proteggere la pelle dall’aggressioni esterne
Caffeina Riduce la ritenzione idrica
Fucus Riduce lo strato adiposo sottocutaneo
Rusco Riduce borse e occhiaie perioculari

Cos’è la cellulite

Come anticipato, lo scopo di una buona crema anticellulite è quello di andare ad attenuare i solchi e gli avvallamenti che si formano sulla pelle quando si soffre di cellulite: insomma, una buona crema riesce ad eliminare quello che è il fastidioso aspetto a buccia d’arancia. Una cosa che molte persone non conoscono è il motivo per il quale si viene a formare la cellulite: in primo luogo, quindi, bisogna parlare del pannicolo adiposo.

Esso è un tessuto che si trova sotto la pelle e che ha come ruolo quello di conservare l’energia che serve al corpo umano: si tratta di un tessuto strettamente legato al bilancio calorico ed al metabolismo dell’individuo. Nel momento in cui il bilancio calorico diventa negativo, magari perchè si mangia meno o si fa più sport, allora il tessuto tende a diminuire, in quanto il corpo lo utilizza per avere energie sufficienti per i suoi processi.

Al contrario, nel momento in cui il bilancio calorico diventa positivo, ovvero quando si assumono più calorie di quelle che si bruciano durante l’arco della giornata, allora c’è un incremento della liposintesi ed il tessuto si espande. Il pannicolo adiposo è composto da tessuto reticolare, collagene e microcircolo: ecco dunque come questo tessuto riesce a comunicare con tutto il resto dell’organismo.

Cause della cellulite

Generalmente si tende a pensare che la cellulite sia legata solamente ad una questione ormonale, ma in realtà sono veramente numerosissime le cause che possono portare alla formazione di questo inestetismo che colpisce sia le donne che gli uomini. Problemi vascolari, problemi dell’apparato linfatico, una forte ritenzione idrica, stress, malattie epatiche, sovrappeso, obesità ed infine alimentazione sbilanciata sono alcune tra le cause che contribuiscono alla formazione della cellulite.

Nel momento in cui la circolazione linfatica e la circolazione sanguigna non sono sufficienti o non funzionano in modo efficiente, avviene una sofferenza delle cellule adipose, e questo le porta proprio a rompersi. Una volta che esse si sono rotte, la sostanza contenuta al loro interno si riversa nello spazio che si trova tra una cellula e l’altra, facendo avvenire un richiamo di acqua, facendo partire una compressione del microcircolo e aumentando l’infiammazione già in atto.

Quando tali alterazioni persistono nel tempo, si ha lo sviluppo di nuove e diverse alterazioni del tessuto, che prendono il nome di lipodistrofie: queste portano ad una crescita nel volume così come anche nella consistenza di quello che è il tessuto di sostegno. Inoltre, avviene anche una riduzione del calibro e dell’elasticità di tutti i vasi sanguigni che sono coinvolti nel microcircolo. A questo punto è necessaria una crema anticellulite efficace ed altri strumenti per rimettere in sesto la pelle.

Come agisce la crema

Quando si iniziano a riscontrale quelli che sono i primi segni visibili della cellulite, come ad esempio gli avvallamenti ed anche i solchi, diventa necessario iniziare ad utilizzare una buona crema anticellulite. Le creme di questa tipologia si trovano sicuramente tra i prodotti di bellezza e di benessere della pelle più venduti: moltissime donne, ed anche un buon numero di uomini, sono disposti a spendere anche molto per trovare il prodotto perfetto alle loro necessità.

C’è da dire anche che, grazie agli sviluppi e alle scoperte in ambito scientifico e dermatologico, sul mercato è possibile trovare sempre nuovi prodotti, sempre più innovativi e mirati, al fine di aiutare chi ne soffre ad eliminare le manifestazioni di questa condizione della pelle. Al fine di eliminare l’effetto tipico della cellulite, ovvero la pelle a buccia d’arancia, la crema anticellulite deve contenere al suo interno dei precisi principi attivi che agiscono in modo diretto sul problema.

Tra le sostanze più utilizzate per la realizzazione di questa tipologia di crema è possibile menzionare l’estratto di avocado, di jojoba, di karitè, di mandorle: si tratta di prodotti ottimi per chi vuole migliorare il tono della cute. Ancora, gli estratti di rusco, di edera, di ippocastano e di centrella sono spesso impiegati al fine di rinvigorire la circolazione, specialmente nelle persone che soffrono di problemi che la riguardano.

Come si usa la crema

Oltre a contenere le sostanze già menzionate, una buona crema anticellulite deve contenere altre sostanze ricche di principi attivi: ecco perché sono spesso impiegati gli estratti di tè, caffeina ed alghe, i quali contrastano lo spessore dei pannicoli di adipe. Ovviamente, se si vuole ottenere il miglior risultato dalla propria crema anticellulite, c’è bisogno di sapere come applicarla: altrimenti non si avrà alcun effetto visibile.

La crema anticellulite deve essere applicata ogni giorno, in quanto i principi attivi contenuti all’interno della crema devono avere modo e tempo di agire: poi, in base alle indicazioni riportate sul prodotto è possibile capire se applicarla una o due volte al giorno. Al fine di ottenere il risultato migliore c’è poi bisogno di massaggiarla in modo preciso: in questo modo, essa può entrare all’interno dei pori che ricoprono la pelle.

Il prodotto deve essere massaggiato sulla pelle facendo dei veri e propri movimenti circolari, in modo che riesca a raggiungere gli strati più profondi della pelle. Inoltre, facendo movimenti circolari con le mani, sarà possibile riattivare il microcircolo del pannicolo adiposo, favorendo il suo assottigliamento.

Benefici principali

Una cosa che moltissime persone si domandano spesso è se le creme anticellulite funzionano: la risposta a questa domanda, purtroppo, non è univoca. Numerosi studi hanno indagato sul funzionamento di questi prodotti, e molti di essi hanno avuto anche esiti positivi: tuttavia, l’uso della crema non è sufficiente ad eliminare la cellulite.

Questi studi hanno infatti osservato che la crema per la rimozione della cellulite è efficace per rendere la pelle priva di solchi e di avvallamenti solamente se abbinata ad altre pratiche, come ad esempio l’attività fisica. Si è visto infatti che le donne che praticavano attività fisica nel corso degli studi riuscivano a rendere la loro pelle molto più liscia rispetto alle donne che invece non la praticavano.

In aggiunta alla crema, è possibile di avvalersi di pratiche come il massaggio linfatico oppure drenante: si tratta di massaggi che favoriscono l’eliminazione delle tossine e delle scorie del corpo, così come anche della cellulite.