Esercizi per rassodare il seno con effetto push up

esercizi per rassodare il seno

Insieme ad altre zone del corpo, quella del seno risulta essere particolarmente critica per molte donne. La dimensione e forma del seno varia per tutte le donne e viene influenzata principalmente da fattori genetici. Molto spesso le donne risultano essere insicure circa forme e dimensioni.

Chi ha il seno piccolo tendenzialmente lo vorrebbe più grande, mentre chi ha un seno più prosperoso lo vorrebbe più piccolo e delicato. Sicuramente c’è un desiderio comune che unisce tutte le donne, a prescindere dalla dimensione del seno: quella di avere un seno sodo.

Per molte donne, come per molti uomini, l’apparenza del seno risulta essere molto importante. Quest’area del corpo femminile è, infatti, considerata una zona sessualmente attraente. da sempre, infatti, il seno femminile è soggetto di attenzioni di natura sessuale sia maschili che femminili.

Studi antropologici sull’argomento attribuiscono quest’attrazione a radici ancestrali, che hanno sempre fatto parte dell’evoluzione dell’uomo. basti pensare che, secondo diversi studi, il primo legame affettivo dei cuccioli d’uomo avviene tramite il seno, ovvero la madre si lega ai figli e viceversa fin dal momento dell’allattamento.

Esercizi Descrizione
Plank con spostamenti laterali Mettersi in ginocchio con i gomiti appoggiati terra e portare indietro le gambe che devono essere tese appoggiando i piedi sugli alluci. Sollevare poi il bacino facendo molta attenzione a mantenere la schiena dritta e trattenere la pancia in dentro contraendo i glutei. Fare uno spostamento laterale alzando la mano sinistra e successivamente il piede sinistro.
Rassodare il seno con i pesi Bisogna partire in piedi con le braccia lungo il corpo e con i  due pesetti in ambedue le mani. Le gambe devono essere aperte alla larghezza del bacino e le spalle distese. Poi inspirare ed, espirando, alzare le braccia in modo laterale piegando leggermente i gomiti.
Triceps dip chair Bisogna partire in piedi con le spalle alla sedia e i palmi delle mani sul bordo. Avendo le gambe tese e i talloni ben appoggiati a terra, abbassare le spalle sostenendo il peso del corpo, per poi piegare le braccia cercando di portare i glutei verso il basso.

Questo comportamento istintivo viene trasmesso sia alle femmine che ai maschi e contribuisce a rafforzare il legame di coppia tra madri e figli. Anche da adulti, gli uomini e le donne amano il seno perché inconsapevolmente è il segnale di un legame mai dissolto con la madre. per questo motivo, uomini e donne sono attratti incondizionatamente dal seno femminile.

Il seno prosperoso, diversamente da seno piccolo, sembra essere soggetto di più attenzioni, in quanto automaticamente riporta alla giovinezza e all’età fertile. quando una donna allatta o si trova nella fase che precede le mestruazioni, le ghiandole mammarie tendono ad aumentare di dimensioni a causa degli sbalzi ormonali, rendendo quindi il seno gonfio e teso.

Pro e contro del seno piccolo e del seno grande

La grandezza del seno è motivo di forti discussioni. Le cause che determinano la grandezza del seno sono determinate principalmente da fattori genetici e metabolici. Esistono donne che hanno il seno piccolo e donne che hanno il seno grande.

Ma spesso la grandezza del seno può essere causa di forti disagi, soprattutto nei periodi che riguardano l’adolescenza e la prima giovinezza. Molto spesso, durante questa fase particolarmente delicata della vita, le giovani donne sono vittime di bullismo da parte dei compagni o degli amici, a causa della grandezza o della piccolezza del seno.

Esistono, però, dei pro e dei contro legati appunto alle dimensioni del seno femminile. Un seno piccolo, ad esempio, può essere causa di imbarazzo in quanto poco femminile. Però, d’altro canto, il seno piccolo non causa problemi di salute, come ad esempio il mal di schiena.

Il seno grande e prosperoso, invece, nonostante possa essere fonte di interesse soprattutto dal genere maschile, può provocare non pochi problemi a chi lo ha, soprattutto legati alla postura, in quanto più grande è il seno e più è forte il carico che pende sulla schiena. Le donne col seno grande, infatti, lamentano dolore e difficoltà a stare in piedi.

Alcune donne si sottopongono addirittura ad interventi di mastoplastica riduttiva, ovvero interventi di chirurgia plastica che mirano a rimpicciolire le dimensioni del seno, a causa appunto dei forti dolori e del mal di schiena.

Esercizi e allenamenti che aiutano

Avere un seno sodo risulta essere l’obiettivo di molte donne, ed è possibile ottenerlo anche senza ricorrere alla chirurgia estetica. Eseguire esercizi fisici mirati, infatti, può aiutare a rassodare il seno, ovviamente se eseguiti con costanza. Il seno è fondamentalmente formato da grasso, ma viene sostenuto naturalmente da muscoli che prendono il nome di muscoli pettorali.

Se questi muscoli vengono allungati e tonificati, questi solleveranno naturalmente il seno, migliorando l’elasticità e la tonicità della pelle e dei tessuti ed evitando il rilassamento muscolare. Esistono diversi siti web e di video che spiegano come rassodare il seno.

Per prima cosa, però, è importante scegliere con attenzione anche il sostegno, ovvero il reggiseno, migliore per la propria tipologia di seno. Il reggiseno, infatti, non deve essere né troppo largo né troppo stretto, e deve avere coppe che combaciano perfettamente con le rotondità del seno. è consigliabile anche l’utilizzo di creme adatte a rassodare il seno e promuovere l’elasticità della cute presente in quella zona.

Prima di dedicarsi agli esercizi, sarebbe opportuno informarsi sulla tipologia di attrezzatura necessaria per effettuarli. solitamente, occorrono un set di pesi e una palla da pilates.

  • Piegamenti sulle braccia: si tratta di esercizi semplici e poco impegnativi, da svolgere con costanza per rassodare il seno in breve tempo. per eseguirli bisogna mettersi in piedi di fronte al muro, con le mani all’altezza delle spalle, le gambe chiuse e leggermente piegate e i piedi a circa 15 cm distanti dal muro. A questo punto bisognerà espirare piegando i gomiti e portando il corpo verso il muro, poi tornare lentamente alla posizione di partenza inspirando.
  • Push up: bisognerà sedersi a terra, portando le mani davanti dopo le spalle, e stendere le braccia. Inoltre, bisognerà piegare le ginocchia, incrociare le caviglie e sollevare.
  • Spinte sulle mani: per svolgere questo esercizio bisognerà portare i polsi all’altezza del mento e unire le mani per poi effettuare una leggera pressione.
  • Pugni alternati con i pesi: per svolgere questo esercizio bisognerà essere in piedi e bisognerà prendere un peso in ogni mano e spostare un piede indietro così che le gambe non siano allineate. I piedi dovranno essere mantenuti dritti in avanti, e bisognerà aprire le braccia di lato tenendo i gomiti leggermente piegati, i palmi delle mani rivolti in avanti e i manubri poco sopra l’altezza delle spalle. L’esercizio andrà svolto fingendo di sferrare pugni, alternando le braccia con cui si fingerà di colpire.
  • Plank con spostamenti laterali: per svolgere questo esercizio bisognerà mettersi in ginocchio con i gomiti a terra, portando indietro le gambe tese appoggiando i piedi sugli alluci e sollevare il bacino. in seguito, si dovrà portare la pancia in dentro, contrarre i glutei e fare uno spostamento laterale, alzando la mano sinistra e poi il piede sinistro.
  • Pull over: per effettuare questo esercizio sarà necessario sedersi sulla palla fitness con un peso tra le mani, spostandosi con le gambe scivolando in avanti fino ad appoggiare sulla palla la parte alta della schiena, con le gambe piegate a 90 gradi e aperte alla larghezza del bacino, fianchi e ginocchia ben allineati. Dopo bisognerà inspirare e, espirando, portare le braccia piegate nel prolungamento del corpo. Poi, inspirando, bisognerà riportare le braccia tese in alto.

Rassodare un seno cadente a causa dell’allattamento

Quando una donna inizia ad allattare, le ghiandole mammarie tendono a gonfiarsi per accogliere l’arrivo della montata lattea. Durante tutto il periodo dell’allattamento, quindi, la donna avrà il seno gonfio ed è possibile che dovrà acquistare reggiseni di una o più taglie più grandi. Se non correttamente drenato, è possibile che il seno possa anche far male.

Una volta esaurita la produzione lattea, però, il seno risulterà molto più sgonfio e morbido. Come rassodare, quindi, il seno cadente a causa dell’allattamento? Fortunatamente, in questo caso il rassodamento del seno avverrà naturalmente, per condizioni puramente fisiologiche.

Entro un anno dalla fine dell’allattamento, infatti, il seno tornerà naturalmente all’aspetto che aveva prima della gravidanza. Il tempo si riduce drasticamente se la donna in questione ha avuto un figlio in giovanissima età, ovvero prima dei 25 anni.

La dieta è importante

Insieme agli esercizi e alle creme corpo appositamente realizzate per tonificare e rassodare il seno, anche l’alimentazione può essere di grande aiuto. infatti, fare attenzione a ciò che si mangia può insegnare come rassodare il seno naturalmente. Conoscere questo metodo naturale per rassodare il seno, infatti, può aiutare a modificare correttamente la dieta, magari riuscendo a trovare la giusta motivazione che può spingere a mangiare alimenti ottimi per l’organismo ma che prima venivano trascurati e messi da parte.

Primo fra tutti risulta esserci la soia: essa contiene fitoestrogeni, estrogeni vegetali che influiscono sulla taglia del seno. Al secondo posto troviamo le erbe e spezie, in particolare lo zenzero, i chiodi di garofano, il timo, la curcuma, la liquirizia, l’origano e il peperoncino può aiutare ad aumentare il volume e la tonicità del seno. Anche alimenti come avena, orzo e riso integrale possono migliorare l’aspetto del seno.

Per quanto riguarda la frutta e verdura, è consigliabile aumentare il consumo di mele, carote, olive, papaia, zucca, patate, banane, melograno, cetrioli e zucca. si può anche consumare frutta secca come noci, mandorle e nocciole.

Svolgere attività fisica per rassodare il seno non sembra essere l’ideale per tutti. Si tratta di rimedi naturali in grado di migliorare l’aspetto fisico, insieme al seno, e non in grado di porre rimedio a situazioni dove il seno appare visibilmente svuotato e flaccido. In questi casi l’unico rimedio sembra essere quello di ricorrere alla chirurgia plastica. Discuterne con un esperto e trovare la miglior soluzione applicabile sembra, in alcuni casi, l’unico rimedio per migliorare l’aspetto del seno.