Integratore di iperico: benefici e controindicazioni

integratori con iperico

L’iperico sotto forma di integratore è un prodotto ampiamente impiegato negli ultimi anni per favorire il benessere fisico e mentale in casi di sofferenza o depressione. Quando si parla di iperico si fa riferimento ad un vero e proprio prodotto farmacologico che serve a trattare tutte quelle che sono le depressioni lievi: in Italia, per assumere questa sostanza, c’è bisogno di ricorrere ad una prescrizione medica effettuata da un dottore.

Per la preparazione di prodotti fitoterapici per contrastare la depressione e favorire il benessere mentale e fisico, si utilizzano diverse parti di questa sostanza, come le foglie ed anche le sommità che sono già fiorite. Per godere dei benefici dell’iperico, è possibile anche preparare delle tisane: ci sarà bisogno di utilizzare uno oppure due cucchiaini di sommità di iperico all’interno di una tazza di acqua bollente, ovvero circa per 150 millilitri di acqua bollente.

Successivamente, ci sarà bisogno di lasciare in infusione questa preparazione per almeno dieci minuti, affinché il principio attivo si disciolga in acqua. In seguito, filtrare la bevanda e bere per più settimana al fine di curare la propria depressione lieve. In questa guida, tutte le informazioni sull’utilizzo dell’iperico come integratore per contrastare depressione e tristezza.

Caratteristiche dell’integratore di iperico

L’iperico è una pianta utilizzata da moltissimi anni per creare un ottimo integratore per contrastare la depressione: si tratta di una pianta che contiene diverse proprietà ottime per la salute fisica ma anche mentale degli esseri umani. Il principio attivo contenuto all’interno dell’iperico prende il nome di ipericina: si tratta di quello maggiormente utilizzato per il contrasto della depressione, insieme ai flavonoidi e all’iperforina.

iperico integratore

Numerosi studi hanno dimostrato che gli estratti di questa pianta hanno avuto maggiori effetto rispetto al placebo nel contrastare quelli che sono gli stati depressivi di lieve ma anche di moderata gravità: ecco perché sono considerati alla stregua degli antidepressivi convenzionali. Il prodotto a base di iberico sembra essere in grado di inibire quella che è la ricaptazine delle ammine cerebrali, che sono la seratonina e la noradrenalina.

Poi, degli estratti metanolitici di ipericina ed iperforina sono riusciti a fermare anche la captazione sinaptosomale della seratonina, del GABA, della noradrenalina e della dopamina. Insomma, si tratta di una pianta che è stata attentamente studiata in laboratorio da moltissimi scienziati, e che ha mostrato di apportare moltissimi benefici nei soggetti che soffrono di depressioni lievi oppure moderate.

A che serve l’integratore di iperico

L’iperico è una pianta conosciuta da sempre in ambito fitoterapico, e che viene da lunghissimi anni utilizzata per preparare un validissimo integratore alimentare. All’interno di questa pianta sono presenti moltissimi principi attivi come i naftodiandroni, che sono l’ipericina e la pseudoipericina, i flavonoidi, come la quercitina, iperoside, la rutina e l’isoquercitina.

Inoltre, nella pianta sono contenute sostanze quali ad esempio le floruglucine, cioè l’iperforina e l’adiperforina, gli xantoni, l’olio essenziale ed infine anche i tannini: ovviamente, sono tutte sostanze che vengono impiegate per la produzione dell’integratore. Proprio a causa della presenza di tutte queste sostanze al suo interno, l’integratore a base di ipericina viene utilizzato al fine di contrastare quelli che sono gli stati depressivi di lieve oppure di moderata gravità.

Inoltre, l’iperico viene utilizzato anche per trattare le ferite, le ulcerazioni della pelle e le bruciature: ovviamente, per fare questo non si usa l’integratore ma l’oleolito di iperico. Si consiglia di assumere circa 900 milligrammi di iperico ogni giorno, ma la dose in generale può variare dai 600 ai 1200 milligrammi.

I primi effetti dell’iperico possono essere visibili dalle due alle quattro settimane di trattamento, proprio come funziona per i tradizionali farmaci contro la depressione.

Cos’è la depressione

Come si è visto, l’integratore a base di iperico viene oggi giorno largamente impiegato per contrastare gli stati depressivi lievi oppure moderati: anche se si tratta di un integratore alimentare, si tratta di un prodotto che richiede la prescrizione medica. Quando si parla della depressione, si fa rifermento ad uno stato psicopatologico che presenta un calo del tono dell’umore, la prostrazione fisica e psichica ed anche l’abbattimento.

Sono state riscontrate moltissime tipologie di depressione diverse, che possono essere differenziate l’una dall’altra a seconda delle cause e dei fattori che le hanno scatenate, ma anche in base ai sintomi che si manifestano. La depressione viene diagnosticata in seguito all’identificazione di cinque o più sintomi tipici per almeno due settimana di osservazione del paziente.

Tra i sintomi che devono essere ravvisati è possibile menzionare: l’umore depresso per la maggior parte del tempo, la diminuzione dell’interesse o del piacere nei confronti di moltissime attività, la grande perdita di peso oppure il suo significativo aumento di peso.

Ancora, altri sintomi sono l’insonnia o l’ipersonnia ogni giorno, l’agitazione oppure il rallentamento nei movimenti, l’autosvalutazione, il senso di colpa, offuscamento mentale, difficoltà nel prendere decisioni. Molti, addirittura, a causa della depressione, iniziano a riflettere sul suicidio, escogitando piani per riuscirci.

Fitoterapia e depressione

Sono moltissime le forme di depressione che si possono riscontrare, in quanto ci sono sia delle forme più deboli che delle forme più gravi: quelle deboli o medie possono essere curate ricorrendo all’integratore con iperico al suo interno. Quindi, è possibile affermare che la fitoterapia è sicuramente in grado di contrastare gli stati depressivi più lievi e moderati, in quanto il malessere non causa una totale alienazione.

Non ci sono dubbi che la depressione, in quanto disturbo psichico, deve essere curata sicuramente con l’aiuto di medici e psichiatri, seguendo sicuramente una terapia o un percorso psicologico. Non a caso, il trattamento della depressione si basa appunto sulla psicoterapia: questo tipo di cura ha come scopo quello di far aumentare la quantità di neurotrasmettitori che possono essere usati dai recettori cerebrali.

In quelle che sono le forme più moderate di depressione, ci sono pochissime piante che si sono mostrate valide nel trattamento di questi stati: in primo luogo c’è sicuramente l’iperico, così come anche la rodiola, la griffonia e il panax ginseng. Tali prodotti fitoterapici, devono essere prescritti dal proprio medico e consigliati in dosaggi terapeutici per cicli lunghi: questi, però, possono causare delle interferenze o degli effetti collaterali.

Controindicazioni dell’integratore di iperico

Trattandosi di un prodotto proveniente direttamente dalla natura, è possibile affermare che gli estratti secchi così come anche le tinture che contengono iperico sono ben tollerati anche dai pazienti più anziani. Ci sono però degli effetti collaterali minori in alcuni soggetti, come ad esempio la nausea, il rash cutaneo, l’irrequietezza, l’astenia: questi appaiono nel 5% dei pazienti circa.

Si sconsiglia di utilizzare l’integratore a base di iperico nel corso della gravidanza, ma anche nel corso dell’allattamento, in quanto non ci sono delle evidenze scientifiche a favore di questa pratica.

integratore iperico

Successivamente, non deve essere consumato l’iperico insieme ad altri antidepressivi di sintesi: esso è un potente induttore del sistema microsomiale epatico, e quindi non si consiglia la sua assunzione quando si assumono altri medicinali che potrebbero compromettere la sua efficacia.

Ci sono dei casi che suggeriscono la possibilità di fotonsensibilità causata dalla presenza di ipericina, ma sono stati solamente due. Altri studi dimostrano che questa fotosensiblità si può avere quando ci sono dei dosaggi molto più alti rispetto alla dose suggerita.

Tra gli effetti collaterali di iperico è possibile menzionare dei casi di mania, ma si tratta di evenienze davvero rare. In ogni caso, si ricordi che questo prodotto può essere acquistato solamente quando prescritto dal medico: questo dimostra che si tratta di un prodotto al quale bisogna prestare grande attenzione, in quanto potrebbe causare delle conseguenze spiacevoli se non viene consumato nelle giuste dosi.

Fonte

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34091155/