Come smettere di russare: cause e rimedi

Come smettere di russare

Russare è una condizione abbastanza diffusa in tutto il mondo, e proprio per questo motivo moltissime persone cercano sui diversi motori di ricerca come smettere di farlo. Quando si parla del russamento, si fa riferimento ad un particolare fenomeno che avviene durante le ore di sonno: questo consiste nell’emissione di un ronfo, un rumore davvero fastidioso che sembra simile ad un grugnito.

Questo rumore è causato dalla compromissione della ventilazione polmonare: tuttavia, anche se può apparire preoccupate, quella del russamento non è una patologia grave, ma può essere associata a diverse condizioni e conseguenze. Tra queste, la compromissione del ciclo di veglia e sonno, l’aumento dei disturbi del sonno (come ad esempio la sindrome delle apnee ostruttive del sonno) ed altre complicanze simili.

Inoltre, russare può causare ad un peggioramento generale dello stile di vita, non solo per chi russa, ma anche per chi dorme nella stessa stanza del soggetto che compie questa azione. In parole povere, si può descrivere il fenomeno del russamento come una complicazione del passaggio di ossigeno nel corso della fase di respirazione: purtroppo non sempre è possibile eliminarlo, ma ci sono alcune strategie che si possono mettere in atto per iniziare a contrastarlo.

Cause e rimedi

Purtroppo, nonostante i numerosi tentativi, la maggior parte dei soggetti che russano nel corso della notte non sono in grado di sconfiggere questa condizione: tuttavia, ci sono delle strategie da impiegare per capire come smettere di russare. La prima cosa che bisogna fare è anzitutto accertarsi che, insieme al russamento, non si verifichino anche delle apnee notturne o dei sintomi riconducibili ad esse.

In questo caso, piuttosto che curare il fenomeno del russamento, è necessario rivolgersi ad un centro specializzato nella cura dei diversi disturbi del sonno: in questi casi, può rivelarsi utile l’utilizzo del CPAP. Successivamente, è necessario indagare al fine di conoscere qual è la causa scatenante: si tratta di una ricerca che può essere svolta anche in modo autonomo, individuando alcuni fattori che contribuiscono alla manifestazione di questa patologia.

Tra questi fattori è possibile menzionare l’obesità, un accumulo di grasso nella zona del collo, un peso totale più alto del normale, il consumo non responsabile di bevande alcoliche oppure di farmaci che portano al russamento. Se, una volta che si è intervenuto su questi fattori, la situazione ancora non si è risolta, allora è necessario rivolgersi al proprio medico di base per delle indagini molto più specifiche ed accurate.

Come far smettere di russare il proprio partner

Se si guarisce dall’obesità, si elimina il grasso sul collo o si interrompe il consumo di particolari farmaci e bevande alcoliche, ma il russamento non varia, allora sarà necessario sottoporsi ad una visita specialistica di otorinolaringoiatria. A questo punto, l’otorinolaringoiatra cercherà nel soggetto la presenza di alcuni fattori che causano il russamento, come la macroglossia (che è la crescita sproporzionata della lingua) e la retrognazia (il mento spostato verso l’indietro e piccolo).

Inoltre, ci sono altri fattori che l’otorinolaringoiatra ricerca nel paziente, come la presenza di tonsille ipertrofiche oppure adenoidi, una deviazione del setto nasale o la presenza di polipi al suo interno. A causare il russamento possono esserci poi degli accumuli di catarro o muco (secrezioni nasali) all’interno delle vie respiratorie superiori, ipertrofia delle mucose (sinusite e rinite), indebolimento dei muscoli posti all’interno del palato molle, con conseguente riduzione del lume delle vie aeree prime.

Se non viene riscontrato alcun difetto anatomico ma sono presenti dei fattori di rischi tra quelli menzionati, è necessario rivolgersi ad un centro specializzato in disturbi del sonno per capire come far smettere di russare una persona. Ci sono dei casi in cui però lo specialista potrebbe risolvere questo disturbo utilizzando la chirurgia, al fine da creare una ventilazione poco rumorosa, efficace e valida.

Cosa non bisogna fare

Oltre a conoscere quali sono le cose che bisogna fare per capire come smettere di russare, è necessario scoprire anche quali sono le cose che bisogna evitare di fare: ne sono molte e sono davvero importanti. Ad esempio, se si soffre di obesità o si ha un accumulo di grasso localizzato intorno al collo, è necessario assolutamente perdere peso e allontanarsi da cattive abitudini come la sedentarietà, la dieta ipercalorica e gli alcolici.

Inoltre, si sconsiglia assolutamente di mangiare tanto prima di andare a dormire, così come anche di fumare: ancora, si sconsigliano i farmaci che hanno un effetto sedativo e bisogna evitare di dormire in posizione supina. Ci sono poi dei rimedi che bisogna mettere in atto per mettere di russare, come ad esempio eliminare tutte le bevande ed i cibi spazzatura, specialmente se si soffre di obesità o sovrappeso: bisogna quindi dire addio a fast food e junk food.

Successivamente, si consiglia di limitare il proprio consumo di carboidrati (quindi pane, pizza, pasta, patate), alcuni grassi come i formaggi, ma anche carni e pesci, salumi, dolciumi ed insaccati. Sono categoricamente vietati prima di andare a dormire gli alcolici, alimenti che non si digeriscono facilmente come il latte intero, cibi ricchi di grassi, alimenti frutti, soffritti e junk food in genere. Sono anche da evitare alimenti ricchi di tessuto connettivo come molluschi, frattaglie o cotiche.

Cosa bisogna mangiare

È evidente che l’alimentazione che si segue incide fortemente sul russamento, quindi la prima cosa che bisogna fare per capire come smettere di russare è sicuramente cambiare il proprio stile alimentare, rendendo più leggera la propria dieta quotidiana. Un soggetto che intende scoprire come smettere di russare dovrebbe innanzitutto seguire una dieta ipocalorica, dunque il suo introito deve essere del 30% minore rispetto a quello necessario per mantenere il proprio peso.

Si consiglia di seguire una dieta ipocalorica ovviamente solo se ci si trova in una condizione di obesità o sovrappeso, o se si hanno degli accumuli di grasso localizzati nella zona del collo. Si consiglia inoltre di fare in modo che il pasto più leggero della giornata venga consumato la sera prima di andare a dormire, e che rappresenti circa il 30% delle calorie totali della giornata: un esempio potrebbero essere 150 grammi di carne bianca, 200 grammi di verdura e 50 grammi di carboidrati.

Inoltre, bisogna masticare in modo accurato il cibo in modo che la digestione sia più semplice: si sconsiglia il consumo di alimenti grassi, quindi bisogna consumare alimenti magri e non conditi con troppo olio o burro.

Se si mangiano proteine, si consiglia di cuocerle in modo medio, mentre se si mangiano carboidrati, si consiglia quelli integrali con una quantità di fibre adeguata. I migliori metodi di cottura per chi russa sono l’affogatura, il vapore, la pressione, la lessatura, la vasocottura, il cartoccio al forno e la padella non a fiamma alta.

Informazioni importanti

Se si adotta uno stile di vita sano, si perde peso e si eliminano i depositi di grasso, ma ancora il fenomeno non sparisce, allora è necessario conoscere quali sono altre soluzioni per capire come smettere di russare subito. Tra le molte soluzioni si segnalano le cure farmacologiche: queste ovviamente vengono prescritte dal medico e non possono assolutamente essere utilizzate senza prima un confronto ed una prescrizione.

I prodotti che vengono impiegati per contrastare il fenomeno sono quelli che favoriscono il sonno e prevengono la letargia del sonno, ad esempio il modafnil, la teofillina, la caffeina citrato, l’amfetamina e detroamfetamina. Prima di arrivare al consumo di farmaci è ovviamente molto più importante fare prevenzione: ecco perché si consiglia di evitare il sovrappeso, mangiare poco durante la notte, abbandonare i vizi nocivi come l’alcol ed il fumo.

Inoltre, si consiglia di sottoporsi agli approfondimenti adeguati come la visita presso l’otorinolaringoiatra, di abbandonare qualora sia possibile i farmaci che causano il russamento. In ultima analisi, e se il medico lo approva, ci si può sottoporre alla chirurgia.